English
Italiano

10/08-20/08 Mundgod

 


domenica 10 agosto
MUNDGOD

La giornata è trascorsa tutta in viaggio, in un susseguirsi di sali e scendi dai diversi voli. Prima da Delhi a Mumbai e poi da Mumbai a Hubli. Da dove, con una macchina improbabile e con un autista che si ferma ogni 10 minuti per pulire il vetro (in assenza di tergicristallo) parto alla volta di Mundgod. Che arriva quasi all’improvviso, in un unico sprazzo di sole e in una calma pacificatrice. Calma ben diversa dal frastuono assordante dell’ultima visita a gennaio, in occasione degli insegnamenti del Dalai Lama.

Naturalmente non c’è traccia del PAP … Anche quest’anno bisognerà fare i salti mortali per bypassare i controlli della polizia locale? Ci penserò al momento opportuno. Per adesso mi godo le braccia dei miei amatissimi monaci, che mi corrono incontro, preceduti da Nyima e da Yeshi. Il quale, parlando come al solito il suo dialetto cinese, mi spiega tutto quello che è successo da gennaio. E io, come al solito capisco tutto quello che dice e gli rispondo in italiano. Certa che anche lui mi capisca nel dettaglio. E che parli la mia stessa lingua. Non solo quella dei gesti ma quella del cuore.


lunedì 11 agosto
MUNDGOD

Prima visita ufficiale al Tibetan Settlement. C’e’ un nuovo Representative, Mr. Tsotsopon Palsang Dhondup, giovane, simpatico e dotato di una capacità operativa che mi stupisce. Infatti in tempi assolutamente “non indiani” prepara una lettera di garanzie per la Polizia locale che avrà il potere magico di sostituire tutti i permessi mancanti per Mundgod. Grazie Mr. Palsang! Ma, soprattutto grazie a Mr. Lhakpa che, neo Representative del Tibetan Settlement, dalla lontana Shillong, è stato così gentile da contattare il suo collega e spiegargli tutta la situazione … E grazie anche a Rossella che mi ha rassicurato in proposito facendomi tornare il buonumore!

Esperite tutte le pratiche burocratiche, insieme a Mr. Palsang vado a visitare la casa dove vivono un centinaio di anziani di Mundgod. Non ci sono parole che bastino a descrivere l”esperienza. E nemmeno le immagini potrebbero dare conto delle emozioni fortissime prodotte da questa visita. Quasi 100 persone, uomini e donne, in precarie condizioni di salute.

Mi è stato molto difficile fare delle foto. E  le pochissime scattate, non solo per semplice imperizia, non riescono lontanamente a rendere l’idea. Nonostante i lavori di manutenzione (tra cui il rifacimento del tetto con nuove tegole al posto delle precedenti lastre di eternit) gli spazi non sembrano “adatti”. Sarà il disordine che regna sovrano, l’umidità onnipresente, la totale mancanza di privacy per gli ospiti. Con stanzette buie a 2-3 posti, tutte in circolo su un cortile interno. Triste, anche se ci crescono piante e fiori. I mobili sono tutti malandati, sia gli armadi di ferro arruginiti, che i tavolinetti che completano il semplice arredo.

La giornata si conclude con la visita alla Pre Primary School dove il nuovo Leader del Camp 3 mi accoglie con una grande festa, pari a quella dei 60 bambini della piccola scuola. Io mi ricordo quasi di tutti loro. Anche se sono cresciuti e se ci sono nuovi arrivi. Non pensavo che anche loro si ricordassero di me e che fossero – davvero – cosi’ contenti di rivedermi!


martedì 12 agosto
MUNDGOD

Quest’anno i bambini sponsorizzati dall’Associazione arrivano direttamente al Monastero. Sono tanti, accompagnati dai familiari e tutti curiosi e impazienti. Tra questi la timidissima Tenzin Youtso, che non sorrideva mai … stavolta con lei c’e’ il padre, un omone grande e grosso che ride in continuazione e che mette allegria a tutti, figlia compresa!

 


mercoledì 13 agosto
MUNDGOD

Visita alla Gaden Jangtse Thoesan Norling School, cioè la scuola dove hanno studiato Tsering Paljor, Tashi Phurpa e dove ancora studia Lek Khando. La scuola ospita quasi 500 monaci, suddivisi in 11 livelli, dai piccolissimi, di 4-5 anni, ai più grandi che frequentano le classi da VIII a X prima di affrontare gli studi superiori.

Ho il permesso “speciale” di Jigme Gyaltsen di fare foto a raffica della classe dei piccolissimi che stanno facendo esercizio di scrittura nella lingua della loro terra. La maggior parte di loro viene dall’Arunachal Pradesh, alcuni dal Nepal e dal Bhutan. Stanno stretti stretti nei loro banchi e intingono, con grande impegno, i bastoncini di legno nell’inchiostro blu per il loro esercizio quotidiano. E per il quotidiano impegno a mantenere viva la memoria di quel prezioso linguaggio.

Visitando le classi superiori ho una gradita sorpresa. Gli studenti della classe VII (quella di Lek Khando) si trova, al momento, senza insegnante. Diventa così molto facile “rompere il ghiaccio” e, dopo alcune foto rituali, in cui tutti sono molto seriosi, cominciamo a parlare di Tibet … e cominciano a fioccare le domande., anche personali. Uno di loro, Kongpo Lobsang Yeshi, ad esempio mi chiede di spiegargli quali siano le mie emozioni ogni volta che mi trovo in India e quando sono stata in Tibet.

Poi, con un po’ di timidezza residua, mi mostrano delle pagine spillate e sgualcite. E’ il loro giornale e il nome “The Quest” mi sembra che rappresenti bene il senso dei loro desideri. Da lì in poi il passo è breve. Io, di solito, mi entusiasmo in fretta e, in più, c’è anche il loro di entusiasmo, che è contagioso. Decido, quidi, che farò in modo di dare una mano a che queste pagine – che al momento sono piene solo di contenuti scolastici e a carattere religioso – diventino, sul serio, uno spazio di ricerca. E che diventino la voce di questi giovani ragazzi, raccogliendo le informazioni sociali e politiche che riguardano il Tibet.

C’e’ solo un ostacolo, la connessione internet che non è disponibile e se la leadership  vorrà dare il proprio consenso al progetto. Intanto faccio amicizia con il secondo leader della Scuola, collega di Geshe Jigme Gyaltsen, Geshe Tenzin. Vedremo domani …

 


giovedì 14 agosto
MUNDGOD

Oggi è la data fissata per l’inaugurazione del “pavement” nella Pre Primary School del Camp 3. Ad essere sincera non mi aspettavo davvero tanto! Tutti i bambini e tutte le maestre mi accolgono in due lunghe file che arrivano dalla strada fino all’ingresso delle classi. E di fronte a tutti ci sono due piccolissimi che indossano i vestiti “invernali” del Tibet, con tanto di cappelli di pelliccia! Poi, tra decine e decine di khata, addirittura il taglio del nastro, di fronte al cippo che porta la targa di marmo con i nomi dell’Aref e degli sponsor! E lo stesso cippo, coperto da una tendina, a vederlo nel contesto reale sembra anche carino ..

I bambini, guidati dalle loro insegnanti, fanno mille giochi e mille canti. I “loro” giochi. Da quelli educativi, a quelli scherzosi, a quelli patriottici. e, come al solito, sono tutti ugualmente commoventi.

Devo ringraziare, innazi tutto Kelsang Thupthen, un giovane e attivissimo tibetano che, non solo, funge da traduttore ma che mi aiuta a realizzare un progetto, con i bambini, che senza di lui sarebbe stato impossibile. Il progetto, come mostreranno le foto, prevede che i bambini, con l’aiuto dei loro insegnanti, colorino degli slogan: “We want “our” games”, “Free Tibet” e “Help us to play in “our” Country”. E che poi si dispongano, tenendosi per mano, a formare i cinque cerchi olimpici …

L’evento, preparato al momento, riesce benissimo, al di la’ delle aspettative. I bambini partecipano con attenzione inversamente proporzionale alla loro giovanissima età, cantano l’inno tibetano con tutta la voce che hanno  e quando di fronte alla bandiera del Tibet gridano “Pod Gyalo!!” e “Free Tibet!!” sembra davvero che spunti un nuovo raggio di sole tra le nuvole scure di questa terra d’esilio.

E’ stato il nostro piccolo modo di dare un contributo alla causa del Tibet. Al ritorno in Italia le loro foto saranno al centro della nuova mostra che sto preparando. Ascoltare le loro voci a me ha fatto venire i brividi. Brividi di rabbia, di commozione ma anche di speranza.  Mi auguro, davvero, che le loro immagini possano servire a rendere agitati sonni di qualche persona …

Al termine i piccoli sono affamati e si passa al pasto. Molto frugale, lo stesso di tutti i giorni: riso bollito e lenticchie. A loro sembra, comunque, buonissimo e quello che avanza richiama altri piccoli ospiti …

Un grazie, per questa giornata davvero speciale, a Tsering Phuntsok, leader del Camp 3. E poi un grazie, di vero cuore, a tutte le insegnanti e operatrici della Nursery School: Tsering Lhadon, Karma Tsomo, Yanki Pelzom. E alle insegnanti della Pre Primary School: Phuntsok Dolma e Kelsang Dolma.

Naturalmente il ringraziamento piu grande va a tutti i 65 bambini. Che sono la voce e la speranza di un paese, il Tibet, così tenacemente oppresso e così duramente tormentato.

 

Di pomeriggio torno alla Scuola dei Monaci, come da programma e, con mia grande soddisfazione il leader della Scuola Geshe Tenzin, è d’accordo al progetto, che prevede, innanzi tutto, l’attivazione di una connessione internet. Quindi, insieme all’insegnante Ngodup c’è un nuovo incontro con i giovani monaci della classe VII per definire le trategie del nuovo Magazine, che sarà preparato con cadenza bimestrale. E che avrà lo stesso nome del numero già pubblicato: “The Quest”.

Ancora una volta, quindi, grazie! Al leader e all’insegnante. Ma soprattutto grazie a questi coraggiosi giovani monaci che hanno deciso di contribuire, a loro modo, al “Never Give Up” del Dalai Lama: Lobsang Shadup (Losel), Tenzin Ngodup, Tsawa Lobsang Yeshi, Tenzin Delek, Tenzin Dorjee, Tsering Paljor, Kelsang Tashi, Lobsang Thupten, Lobsang Dargay, Kongpo Lobsang Yeshi e Lek Khando (Nyima). A tutti loro il mio augurio più sincero che il loro sforzo abbia successo, allo stesso modo che la loro vita.

 


venerdì 15 agosto
MUNDGOD


Oggi è una giornata tranquilla. Non ci sono impegni “sociali” e persone da visitare. Faccio, insieme a Lek Khando, una pigra passegiata fino al Camp 3 e vedo di nuovo, con grandissima felicità, Pema Wangdue che siede al suo piccolo posto di vendita. Incontrare questo arzillo vecchietto, ogni anno, per me è fonte di grande gioia e di grande speranza. Specie quando penso che lo scorso anno, alla sua veneranda età ha affrontato il viaggio fino a Delhi, per dare il suo contributo alla causa del Tibet, partecipando allo sciopero della fame!!!

sabato 16 agosto

MUNDGOD

Anche oggi la giornata si presenta senza particolari impegni. Se non quello, per me molto impegnativo, di sostenere un giovane monaco nella sua faticosissima scelta di consegnare la tonaca per indossare gli abiti civili. Mi trovo, piuttosto impreparata, a dover fronteggiare da sola difficoltà che mi appaiono come insormontabili. Ai miei occhi occidentali alcuni percorsi appaiono assurdi, altri inutili, altri ancora del tutto scorretti. Ma non ho molto potere di modificare gli eventi … Faccio, comunque, tutto il possibile, cercando di non farmi prendere ne’ dal senso invevitabile di impotenza, ne’ da quello, altrettanto inevitabile, della rabbia. E di non perdere la speranza che qualche piccolo risultato potrà essere raggiunto, se non altro per contrastare una serie di azioni che – purtroppo anche qui – seguono una logica di interessi personali e non di specchiata attenzione ai bisogni del diretto interesato. Never Give Up? Ci provo …

Faccio quattro passi intorno al Monastero e incontro Mr. Tsering Wangdue, il Secretary del Gaden Jantse Administration Office. Io, distratta per come sono, non lo avrei mai riconosciuto se non avesse fermato lui la macchina per salutarmi festosamente. Mi invita a seguirlo al suo Ufficio per offrirmi un the e per farmi vedere una foto che “mi” riguarda. Infatti, proprio all’ingresso dell’Office, accanto alle news e alle foto di HHDL c’è quella della delegazione italiana, me compresa, insieme a Jetsun Pema e Gunther Cologna di AIT. La delegazione  (in quanto sponsor) era stata ospite all’inaugurazione, da parte di HHDL, insieme a Jetsun Pema, nel mese di Gennaio scorso dell’Hostel del TVC.
La serata si conclude, per fortuna, con un sorriso. La visita a un giovanissimo Rimpoche, da poco arrivato a Mundgod. Si tratta del piccolo Gedun Tenzin Lobsang. Nato nel 2000 in Tibet è stato riconosciuto come reincarnazione di Gedun Sangpo Rimpoche, il Lama deceduto nel 1995, all’età di 77 anni. Anche stavolta si alternano una serie di emozioni contrastanti. Accanto a quelle positive di rispetto e di attenzione, altre che mi rendono difficile guardare serenamente gli occhi profondissimi di questo bambino senza pormi quesiti sulla sua solitudine e sul lavoro così gravoso delle tante ore di studio, trascorse in totale solitudine. Il suo maestro è molto anziano e mi introduce nella stanza dove il piccolo Rimpoche, serissimo, siede su un trono altrettanto piccolo e in una solitudine di dimensioni inversamente proporzionali.

 


domenica 17 agosto
MUNDGOD

Niente da fare ancora qui … oggi non si capisce se è un giorno di festa o meno. Le scuole sono chiuse ma alcuni negozi sono aperti … Ne approfitto per fare un po’ di spese e per sfuggire al rigido controllo dei monaci che si sono trasformati in attentissimi vigilantes. Nyima, il giovane monaco con il legittimo desiderio di affrontare una vita da civile, per il momento è scomparso. Maturo la decisione di rivolgermi al Monasterian Head, in un tentativo estremo di tutelare i suoi diritti, contro lo strapotere dei suoi insegnanti … Magari non è un’idea del tutto sbagliata.

Cena al Lubum Monastery, ospite di Gedun Gyatso …


lunedì 18 agosto
MUNDGOD

Visita al Tibetan Settlement per definire i nuovi progetti. Stavolta le richieste sono decisamente un po’ superiori alle possibilità dell’Associazione! Ridimensiono, quindi le attese e seleziono …
Nel pomeriggio, dopo la telefonata in cui raccoglierò notizie sulle possibilità di accesso al TCV di Dharamsala o alla Scuola di Dehradun, andrò a parlare con il Monasterian Head. Spero, davvero, che la scelta – anche se ormai inevitabile – non sia una scelta sbagliata.
Questo il programma per i prossimi giorni. Partenza da Mundgod il 20 per Hubli e poi Bangalore, dove mi fermerò fino al 21 per partire per Delhi nel pomeriggio stesso. La mattina del 21 destinazione Dehradun dove, finalmente, potrò incontrare Tsering Paljor!!! Il primo giovane monaco aiutato dall’Associazione e che ha scelto di tornare alla vita civile. Sono ormai passati quasi due anni dall’ultima volta che ci siamo visti. Dubito che potrei riconoscerlo e, forse, per lui sarà lo stesso. La sua voce, al telefono, è diventata molto profonda e me lo immagino del tutto cambiato, dopo questo lungo periodo di tempo trascorso nell’esercito …La visita all’anziano Lama del Monastero non è stata del tutto ispirante … e si è conclusa con una promessa di aiuto “condizionata”. La condizione, per assurdo che possa sembrare, è quella che accomuna tutti tutti i paesi del mondo. Che peccato …

 


martedì 19 agosto
MUNDGOD

Seconda visita dal Lama, insieme a Yeshi Lungtok. Che, come al solito, è un monaco davero speciale. Continuo a capire tutto quello che dice, anche se parla una lingua misteriosa. E lui, che pure si inchina profondamente davanti al Lama, sembra sovrastarlo del tutto, con la sua umiltà “principesca”. Comunque, al termine dell’incontro, su un piatto della bilancia ci sono un libro di Dharma, la busta con la sostanziosa offerta e una khata. Sull’altro piatto, quello a me riservato, 6 pillole preziose, i grani del Dalai Lama, una mala e … Nyima finalmente libero.

Nel tornare al Monastero sono attratta dai suoni consueti di una preghiera. La pujia, che si svolge al Para Kangtsen accanto al Gajang Gyalrong, è per me nuovissima. Si tratta di una Jen Sig, cioè una preghiera del Fuoco, condotta da Dara Kendhul, un giovanissimo Rimpoche.

La preghiera è dedicata  alle anime che vivono ormai solo dell’odore del cibo  e alle quali le numerosissime offerte vengono, quindi, dedicate gettandole tra le fiamme. Le offerte sono molte numerose e per ciascuna di essa c’è un complesso rituale.

Dara Kendhul esegue tutte le fasi del rito con grandissima concentrazione,  di fronte a tutti i monaci del suo Monastero e aiutato da quattro  di loro.

La puja dura molto a lungo. Gli aromi dei cibi si mischiano a quello dell’olio usato per aumentare la combustione. Presto le fiamme si sollevano, producendo un forte calore e il fumo avvolge tutti i presenti. Tanto che, nella seconda parte del rito compaiono, per il Lama officiante un bel paio di occhiali che gli consentono di procedere.

La parte delle cerimonia all’aperto termina dopo un paio d’ore, per proseguire, poi all’interno del Tempio.

La sera, dopo una nuova visita al Tibetan Officer, mi aspetta una lunghissima passegiata intorno al Campo che ha il potere di ammorbidirmi i pensieri e di prepararmi alla partenza con uno spirito un po’ più tranquillo.


mercoledì 20 agosto
MUNDGOD

La preparazione dei bagagli, come al solito è frenetica. In quanto intercalata dalle numerose visite di tutte le persone che vogliono salutare, chiedere, offrire.  Partire da qui non mi piace mai. Anche se alcune delle cose che avvengono mi scombinano un po’ i pensieri.

Il programma prevede una preghiera lunghissima in mio onore alle 11,30. Niente di speciale ma forse perchè sto andando via, mi sembra  proprio bella.

Al termine, la parte più difficile. Il condividere con tutti la decisione di Nyima di lasciare il monastero. I due monaci anziani sembrano non aver ancora realizzato l’evento. I cinque monaci giovani si entusiasmano all’idea e al maestro non resta che sorridere forzatamente, mal celando l’imbarazzo per il mio aver reso pubbblica e non piu’ ritrattabile una decisione che aveva ostacolato in ogni modo. Solo Nyima non sa dove guardare. Non ancora civile, non più monaco. Quel monaco che non si è mai sentito di essere davvero, ma che è stata, sinora la sua unica possibile identità e sicurezza. Io ho fatto tutto quello che ho potuto per sostenere i suoi desideri. Mi auguro che la scelta sia stata una scelta giusta davvero.

Poi i saluti e, oltre alla foto “rituale” di gruppo, tutti vogliamo fare anche una foto singola. Sarà che l’attaccamento occidentale, per questa volta, ha avuto la meglio su quello locale …

In macchina verso Hubli siamo, come al solito, un po’ troppo allegri. Ciascuno per le sue buone ragioni. Il maestro per riprendere il controllo della situazione. Nyima per nascondere la paura. Io il dispiacere e qualche incertezza. L’unico tranquillo e ingenuamente felice è un compagno di classe di Nyima che ha voluto per forza accompagnarmi. Dopo avermi fatto anche un regalo. Dice che il mio entusiasmo per la Rivista lo ha contagiato e che non aveva altro modo per dirmi grazie. Grazie a te Lobsang Yeshi!  Dopo Yeshi Lungtok e dopo Nyima non ho mai conosciuto un monaco  così  ingenuamente affettuoso, ispirato e carino.

Dopo vari incidenti di  percorso, riesco a partire per  miracolo e  alle 16,30 sono a Bangalore.  Che non mi ispira per niente.  Tranne per la preziosa presenza di Luigi che mi “accudisce” con grande affetto e disponibilità, aiutandomi a semplificare una lunga serie di incombenze.

Infine contatto in serata gli “Om Buds” e con Tenzin decidiamo di incontrarci domani mattina a Koranmangala insieme alla sua band, al Tibetan Youth Hostel.