English
Italiano

86° Compleanno del XIV Dalai Lama

Ricevo oggi – in questo giorno speciale – il documento predisposto dal Kashag (Cabinet) l’alto organo esecutivo della Central Tibetan Administtration (CTA), con la dichiarazione pubblicata in occasione del 86° Compleanno di Sua Santità il Dalai Lama. Mi sembra giusto onorare l’importante ricorrenza con la pubblicazione integrale di questo documenonto. Che illustra, con grande chiarezza e potere di sintesi, tratti salienti della storia del Tibet, nel corso degli oltre 60 anni di invasione dal parte del Governo di Pechino. Oltre che le innumerevoli realizzazione del Dalai Lama stesso negli oltre 80 anni del suo mandato, in patria e in Esilio, a favore del popolo tibetano e di tutti gli esseri senzienti. Realizzazione testimoniate anche dai riconoscimenti mondiali del Suo ruolo e della Sua persona come Leader spirituale del Suo tormentato Paese.

Dichiarazione del Kashag in occasione dell’86° anniversario della nascita di Sua Santità il Dalai Lama.

Sua Santità il Grande 14° Dalai Lama, nacque a Taktser, un piccolo villaggio nella regione di Kumbum della provincia di Amdo, il 6 luglio 1935 da Choekyong Tsering e Dickyi Tsering. Cresciuto sotto la protezione di Palden Lhamo, Lhamo Dhondub, il nome originale del Dalai Lama, fu riconosciuto come la reincarnazione indiscussa del Grande XIII Dalai Lama e portato a Lhasa all’età di cinque anni per essere insediato nel palazzo del Potala.

Durante i suoi studi monastici, il governo cinese iniziò a invadere illegalmente le regioni tibetane di Kham e Amdo.

Nel 1950, le truppe tibetane di stanza a Chamdo, nel Tibet orientale, subirono una sconfitta da parte del predatore esercito cinese. La strada era così aperta.

Come risultato dell’invasione l’amministrazione politica, l’economia e la società tibetana in generale hanno attraversato una grave crisi, come una lampada esaurita che tremola nell’ultima fiamma morente. In un periodo così critico nella storia del Tibet, Sua Santità il Dalai Lama, alla tenera età di sedici anni, fu costretto dalle circostanze ad assumersi la guida spirituale e temporale del Tibet. Nel 1951, sotto la minaccia di un’ulteriore invasione militare cinese, l’accordo in diciassette punti fu imposto al popolo tibetano. Tuttavia, gli sforzi di Sua Santità il Dalai Lama per avviare delle riforme in Tibet sono stati limitati dal governo cinese. Appena pochi anni dopo aver assunto la responsabilità politica del Tibet, Sua Santità il Dalai Lama intraprese una visita ufficiale in Cina e India rispettivamente nel 1954 e nel 1956, incontrando i leader dei due giganti asiatici. Sulla base delle sue esperienze e osservazioni delle due diverse forme di sistemi politici nell’India democratica e nella Cina comunista, Sua Santità il Dalai Lama ha compiuto sforzi seri per cercare, inutilmente, di coesistere armoniosamente con i cinesi nel rispetto dell’accordo di diciassette punti per otto lunghi anni. Tuttavia, nel marzo 1959, avvertendo un’inevitabile minaccia alla vita di Sua Santità da parte delle truppe cinesi di stanza a Lhasa, Sua Santità il Dalai Lama, seguito da circa 80.000 tibetani, fuggì in esilio in India, Nepal e Bhutan.

Dopo il loro arrivo nell’esilio, la maggior parte dei tibetani hanno inizialmente lavorato come operai nella costruzione di strade in India. Nonostante le enormi difficoltà di cibo, vestiti e riparo nei primi giorni dell’esilio, sotto la visione e la guida di Sua Santità il Dalai Lama, si stabilirono gradualmente insediamenti tibetani, scuole e monasteri sulla terra affittata dal governo indiano. Queste istituzioni sono ora le custodi dell’identità nazionale tibetana.

Nel 1960, Sua Santità il Dalai Lama ha portato a un’importante riforma democratica nel governo in esilio (Gaden Phodrang in tibetano) istituendo il primo parlamento tibetano composto da rappresentanti di tutte e tre le province e le scuole religiose del Tibet. Ciò ha posto le basi della nascente democrazia tibetana in esilio, ed è stato fatto con la lungimiranza di aiutare l’amministrazione pubblica tibetana a svolgere le proprie funzioni politiche e amministrative nel lungo termine.

Nel 1959, 1961 e 1965, a seguito di enfatiche pressioni internazionali sul Tibet, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò tre risoluzioni sul Tibet. Nel 1963 Sua Santità ha proclamato la Costituzione per un futuro Tibet. Nel 1967, nel pieno della devastante Rivoluzione Culturale cinese, Sua Santità ha intrapreso la sua prima visita internazionale dall’esilio in Thailandia e Giappone. Nel 1974, a seguito di una visita in Europa nel 1973, Sua Santità ha discusso con la leadership tibetana allora in esilio per esplorare nuovi modi per risolvere il conflitto sino-tibetano attraverso il dialogo basato sull’approccio della Via di Mezzo. Nel 1979, mentre Sua Santità era in visita negli Stati Uniti, la Cina stava attraversando una breve tregua dai disordini politici del passato a causa di una serie di riforme liberali. In concomitanza con queste riforme liberali, Deng Xiaoping espresse il desiderio di negoziare e il primo contatto sino-tibetano fu stabilito dopo un intervallo di vent’anni.

Questo rinnovato contatto sino-tibetano ha portato a diversi colloqui esplorativi e missioni conoscitive in Tibet. Ha anche permesso la riunione dei tibetani dentro e fuori il Tibet che ha migliorato il restauro dei monasteri tibetani e il rinvigorimento della comunità monastica che era stata minata dalla Rivoluzione Culturale. Ha anche portato a un breve periodo di rinascita del buddismo tibetano, dell’educazione alla lingua tibetana e delle arti, della cultura e della tradizione tibetane.

Tutti questi sono un chiaro risultato degli sforzi appassionati iniziati dal decimo Panchen Lama, Choekyi Gyaltsen, e anche da altri leader spirituali tibetani, studiosi e, in generale, dalle stesse istituzioni tibetane.

Come risultato del “Piano di Pace in cinque punti” e della proposta di Strasburgo, presentati da Sua Santità il Dalai Lama rispettivamente al Congresso degli Stati Uniti nel 1987 e al Parlamento europeo nel 1988, e per il suo fermo impegno a risolvere la questione del Tibet attraverso l’approccio della Via di Mezzo, reciprocamente vantaggiosa, Sua Santità ha ottenuto un immenso rispetto e riconoscimento internazionale. Per questi sforzi, Sua Santità il Dalai Lama è stato anche insignito del Premio Nobel per la pace che ha catalizzato una grande diffusione del sostegno internazionale al Tibet.

L’anno 1991 è stato anche segnato come l’Anno Internazionale del Tibet e nel 1997 è stato nominato un coordinatore speciale per le questioni tibetane nel dipartimento di stato degli Stati Uniti. Nel 2002, il governo degli Stati Uniti ha adottato il Tibetan Policy Act. Due anni prima, nel giorno del compleanno di Sua Santità il Dalai Lama, al Parlamento europeo era stata approvata una risoluzione sul dialogo sino-tibetano. Diverse altre nazioni democratiche, insieme al loro governo e pubblico, hanno espresso un forte sostegno e solidarietà alla questione del Tibet. La singolare ragione per cui la questione del Tibet è riuscita a rimanere viva in tutto il mondo è il profondo impegno e la promozione di valori morali universali di Sua Santità il Dalai Lama.

Sua Santità il Dalai Lama è un sostenitore internazionale della pace nel mondo e un sostenitore della moralità e dell’armonia inter religiosa. Sua Santità è anche profondamente impegnato nella questione del Tibet, in particolare nella conservazione della cultura e della religione tibetane, e della conservazione dell’ambiente tibetano.

Nell’ambito dei suoi quattro principali impegni nella vita, compresa la rivitalizzazione dell’antica conoscenza indiana come l’epistemologia, la filosofia, la meditazione e l’etica secolare, Sua Santità ha viaggiato in 60 paesi in 300 diverse occasioni e ha incontrato oltre 490 leader mondiali tra cui presidenti, primi ministri, giudici, leader di partiti politici e leader spirituali di diverse tradizioni religiose.

Sua Santità ha anche tenuto discorsi in oltre 60 rinomate università e istituti di ricerca e ha ricevuto oltre 140 premi, tra cui 50 lauree honoris causa solo negli Stati Uniti. Ventidue cittadinanze onorarie nella sola Italia.

Sua Santità il Dalai Lama è anche il destinatario di oltre 150 premi globali tra cui il Premio Nobel per la pace, il Premio per l’ambiente delle Nazioni Unite, la Medaglia d’oro del Congresso degli Stati Uniti, il Premio John Templeton, ecc.

Come parte della sua equa cura per tutti i monasteri buddisti tibetani e dei suoi sforzi per far rivivere la tradizione di Nalanda, Sua Santità ha fatto visite annuali a Bodh Gaya e ad altri monasteri buddisti tibetani per impartire insegnamenti. Sua Santità ha anche conferito 34 insegnamenti di Kalachakra e ha riconosciuto almeno 1337 reincarnazioni di tutte le scuole del buddismo tibetano tra il 1960 e il 2020. Sua Santità ha anche amministrato almeno 4.203 voti da novizio e 16.126 voti di ordinazione completa ai monaci buddisti tibetani. Al fine di rendere il buddismo tibetano compatibile con la scienza moderna, Sua Santità il Dalai Lama ha avviato discussioni con numerosi scienziati e filosofi a beneficio di tutti gli esseri senzienti. Sua Santità ha anche avviato dialoghi interreligiosi e ha suggerito la necessità di inculcare l’educazione scientifica nelle scuole monastiche tibetane, educazione che viene praticata ora dai monasteri tibetani.

Sua Santità è anche molto venerato dalle persone delle regioni himalayane che condividono una comune cultura buddista tibetana, nonché dai buddisti del sud-est asiatico e della Mongolia. Anche l’armonia e l’unità profondamente radicate tra i leader spirituali delle varie scuole del buddismo tibetano, assieme alla forte fede nell’identità nazionale tibetana tra il popolo tibetano, non hanno precedenti dai tempi della dissoluzione dell’impero tibetano. Questa è una testimonianza della leadership visionaria di Sua Santità il Dalai Lama in Tibet. Nella comunità tibetana in esilio non c’è quasi nessuno che non abbia ricevuto insegnamenti da Sua Santità il Dalai Lama. Sua Santità il Dalai Lama è il guru radice per quasi tutti i tibetani e, come discepoli, dobbiamo comprendere e attuare l’essenza dei suoi insegnamenti e attenerci alla guida e alle benedizioni offerte da Sua Santità il Dalai Lama. Anche il livello d’istruzione e le condizioni economiche della comunità tibetana in esilio sono notevolmente migliorate dai primi giorni dell’esilio. I tibetani sono ora relativamente autosufficienti. Questo è anche il frutto dei 60 anni di duro lavoro di Sua Santità il Dalai Lama e degli sforzi per la raccolta fondi che sono stati fatti direttamente o attraverso l’amministrazione centrale tibetana, con paesi come l’India e gli Stati Uniti, nonché con organizzazioni internazionali di aiuto umanitario. Il popolo tibetano deve non solo rendersi conto, ma anche ricordare la benevolenza di Sua Santità il Dalai Lama. Tuttavia, alcuni individui fuorviati, invece di esprimere gratitudine, tentano in maniera infondata di denigrare Sua Santità il Dalai Lama. Come affermato molte volte in precedenza, affronteremo risolutamente queste sfide con fermezza ed efficacia. Ai due oracoli di stato saranno offerte anche ferventi preghiere e le virtuose divinità protettrici tibetane per combattere pacificamente queste cattive azioni e aspirazioni.

Sua Santità il Dalai Lama è una delle principali guide del nostro tempo ed è uno dei pochi individui che possono orientare la storia sino-tibetana verso una direzione positiva. Il governo cinese dovrebbe quindi riconoscere che Sua Santità il Dalai Lama è la chiave per risolvere il conflitto sino-tibetano. Dovrebbe sfruttare l’opportunità offerta dall’approccio della Via di Mezzo, reciprocamente vantaggioso, per promuovere un ambiente armonioso in cui tibetani e cinesi possano coesistere amichevolmente. Pertanto, facciamo appello al governo cinese affinché inviti sinceramente Sua Santità il Dalai Lama in Tibet e in Cina in pellegrinaggio senza precondizioni. Per oltre 60 anni, Sua Santità il Dalai Lama ha compiuto instancabili sforzi attraverso le quattro fasi dell’evoluzione democratica per istituire l’Amministrazione Centrale Tibetana, rappresentata dai membri delle tre province e dalle diverse tradizioni religiose tibetane.

Poiché questa amministrazione va a vantaggio di tutte le province del Tibet e di tutte le tradizioni religiose, perché sia efficace ed efficiente occorre sia inserita in un sistema di governo basato sullo Stato di Diritto piuttosto che sull’individuo. Lo Stato di Diritto è il primo requisito per promuovere una società giusta ed equa. Deviare da questo impegno ritardandolo o compromettendolo non solo andrà contro i principi fondamentali della democrazia, ma anche contro il formarsi di una democrazia significativa.

Quando affrontiamo controversie su posizioni e ideali politici, dovremmo trovare soluzioni dalle disposizioni che vengono della Costituzione Tibetana. La Costituzione Tibetana (Tibetan Charter) è l’ancora di salvezza della democrazia tibetana, senza la quale non possono esserci uguaglianza e giustizia e una tale democrazia non può sostenersi a lungo termine. Pertanto, esortiamo tutti a prestare seria attenzione a questi problemi. Quando si tratta della nostra lotta, dobbiamo riconoscere il nostro avversario comune e lavorare per risolvere le nostre differenze impegnandoci in una discussione costruttiva. I nostri sforzi consolidati dovrebbero essere diretti verso il raggiungimento dei nostri obiettivi comuni che è la responsabilità obbligatoria e storica del popolo tibetano in esilio.

La comunità tibetana in esilio è il risultato di circostanze politiche e non di condizioni economiche. Siamo un popolo con la responsabilità di combattere per la nostra causa e non solo di guadagnarsi da vivere.

Consolidare il nostro sforzo unito è la base fondamentale per rafforzare il movimento politico tibetano.

In qualsiasi circostanza o condizione non possiamo rimanere impigliati negli errori passati e dovremmo andare avanti e non indietro, in base alle disposizioni legali.

Il Kashag, dal canto suo, svolgerà le sue funzioni di adempimento dei suoi obiettivi con radicata convinzione e fede nella Costituzione Tibetana e nel principio del controllo e dell’equilibrio tra i tre pilastri della democrazia. Sua Santità il Dalai Lama ha dedicato tutta la sua vita al benessere e all’elevazione degli esseri senzienti in generale e al benessere dei tibetani in particolare. Pertanto anche il popolo tibetano dovrebbe studiare e praticare i profondi insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama e astenersi dall’impegnarsi in qualsiasi attività che possa causare preoccupazione a Sua Santità il Dalai Lama. Dovremmo anche astenerci dal prendere parte a inutili litigi sui social media e a ristrette lotte partigiane. L’attuale clima politico globale offre un’occasione d’oro per mettere in evidenza la questione del Tibet. Dovremmo quindi procedere debitamente con le benedizioni di Sua Santità il Dalai Lama nel nostro cuore per rafforzare l’unità tibetana. Questo sarà il nostro regalo più grande a Sua Santità il Dalai Lama in questo compleanno e invitiamo tutti a fare lo stesso.

In conclusione, possa Sua Santità continuare a vivere per eoni. Secondo le aspirazioni dei vivi e dei moribondi, possa Sua Santità il Dalai Lama visitare il Tibet il prima possibile. Possa il conflitto Cina-Tibet essere risolto in tempi brevi, il che aprirà la strada ai tibetani dentro e fuori del Tibet per riunirsi al più presto.

Kashag 6 luglio 2021

Condividi: